Il Sol Invictus – La rinascita

sol invictus

Questo è un periodo adatto a raccontare una storia, le più belle storie hanno proprio il Natale come sfondo…
Ad esempio nella favola dei Fantasmi del Natale, quello che il Sig. Scrooge proprio grazie al Natale riesce a riflettere sulla sua vita e a Rinascere come un uomo nuovo.
A volte le storie sono il modo migliore per raccontare la verità, a più livelli, ognuno può cogliere il significato nascosto dietro alle “storie”.

La tradizione cristiana del Natale, arriva da una festa molto più antica, la festa del Sole

Il Sole da sempre è stato venerato come la più importante divinità, sin dai tempi più antichi.
Il Sole in effetti è la fonte della vita sulla Terra, senza la sua energia non sarebbe possibile il prosieguo della vita sul nostro pianeta.
Nelle religioni antiche, già nella religione Sumera ad esempio, il sole veniva personificato e adorato, nasce così Gilgamesh e la sua epopea.
Nell’Impero Romano, in cui si praticava la Religio Solare per eccellenza, il 25 Dicembre assumeva un ruolo molto speciale, ed era definito con una festa di enorme importanza: IL SOL INVICTUS, o il sole invincibile.

Il motivo per cui tutte le religioni solari prendono il 25 dicembre come data di capitale importanza è un motivo puramente astronomico, ma il simbolismo legato al fenomeno astronomico è fondamentale.
Il 21/12 è il giorno del solstizio d’inverno, il giorno più corto dell’anno, simbolicamente il giorno in cui le tenebre hanno la loro maggior forza sul Dio Sole. A seguire dal 21 si verificano tre giorni di staticità dell’astro, denominati “Sole Fermo”. Il 25 Dicembre è il primo giorno in cui il Sole inverte la sua marcia e inizia a recuperare sulla notte.
Quel primo giorno di ripresa del Sole simbolicamente rappresenta la RINASCITA, o in altre parole la luce che vince il buio.
Molti dei miti che sono stati costruiti nella storia sono associati a questa RINASCITA, al vecchio che muore per lasciare spazio al nuovo, al giorno in cui Dio ha vinto le tenebre e si riprende il suo regno.

Ora ti chiederai che cosa possa centrare ciò con il Metodo Apollo e soprattutto con la psoriasi…

In effetti in prima analisi forse poco, ma se entri nella nostra ottica il Metodo Apollo, che ovviamente ha una enorme accezione solare, sia per il nume di riferimento che per il simbolo che abbiamo scelto, si propone come una guida per aiutarti a Rinascere e a liberarti da questa malattia.

Visto che è tempo di storie, questa che ti vogliamo raccontare è una storia vera, è una storia di una rinascita che abbiamo toccato con mano di prima persona.
E’ la storia di una bellissima bambina di nome Nicole, che si è presentata un giorno nel nostro ambulatorio di Dermatologia Integrata ridotta proprio maluccio.
Aveva la psoriasi da qualche anno, comparsa già a 9 anni ed è arrivata da noi piuttosto ricoperta.
Aveva già fatto il giro di tutti i medici e di tutte le terapie, ciclosporina, cortisone a fiumi e due biologici, a 12 anni..
Ovviamente nulla di ciò è stato d’aiuto, e quello che abbiamo trovato è stata una bimba meravigliosa ridotta davvero male ed una famiglia distrutta dai sensi di colpa e dall’incapacità di essere d’aiuto ad una figlia in un tale stato di sofferenza.
Nicole ha iniziato a seguire il nostro protocollo e in capo a 3 mesi era completamente pulita, i bambini hanno in effetti una capacità di recupero straordinaria.
Ma più che sui risultati, di cui comunque ti alleghiamo le foto, altrimenti sembra una storia inventata, quello su cui ci vogliamo soffermare è la RINASCITA.

 

La bimba che è tornata da noi dopo 3 mesi era un’altra persona.
Era sicura di se, sorridente, VIVA e terribilmente forte.
Ok, dobbiamo essere chiari e dirti che Nicole era speciale anche quando è entrata la prima volta, si notava lo sguardo del guerriero, lo sguardo di chi nonostante tutte le difficoltà non si è mai arreso.
Questa è la lettera che Nicole ci ha scritto, quando l’abbiamo letta ci siamo ovviamente commossi.

Ci teniamo molto a raccontarti questa storia, perché tu capisca che lottare è fondamentale.
Non puoi pensare di non avere responsabilità in questa malattia.
Non arrenderti, la possibilità di uscirne c’è, ti assicuriamo che c’è.

In questi anni abbiamo tirato fuori dalla psoriasi centinaia, se non migliaia di persone, e sai quale caratteristica hanno in comune tutti quelli che ce l’hanno fatta: SONO GUERRIERI.
Sono persone che non si sono accontentate di una diagnosi e non hanno creduto a quel “PER SEMPRE” che molti medici dispensano con troppa facilità.
Sono persone che hanno preso in mano la loro malattia e si sono spaccati il culo in quattro per cercare tutte le informazioni per uscirne.
Sono persone che davanti ad un drastico cambio di alimentazione non si sono arrese, hanno indagato, cercato fuori e dentro se stesse fino ad arrivare alla chiave che apriva la porta della guarigione.
Tu sei sicuro che ci hai messo il massimo impegno, o ti sei arreso?
Ritrova la fiamma del combattente dentro di te, questo è il periodo giusto.

Se pensi che siamo qui per soldi, e queste belle parole sono fatte per aprirti il portafoglio credimi ti sbagli di grosso, tutte le informazioni necessarie sono tutte gratis, le linee, il gruppo, è tutto a tua disposizione, usare queste informazioni oppure no è tutta una questione di IMPEGNO.

RICORDATI PUOI AVERE SCUSE O RISULTATI, NON TUTTI E DUE.

 

A cura di: Paolo Antolini